La nostra storia

L'attività del CON.CO.O.SA ( Consorzio di Cooperative Ortofrutticole Salernitane)

nasce nel 1969.
In quegli anni il core business del Consorzio era legato principalmente alla commercializzazione,
per conto dei propri associati, di prodotti tipici dell'Agro nocerino-sarnese in primis
il Pomodoro S. Marzano.

In seguito, alla fine degli anni '80, quando gli attacchi di virus (CMV) iniziavano a falcidiare le produzioni del "nobile" S. Marzano e sui mercati si affacciavano gli ibridi di pomodoro da industria, la gran parte della produzione delle aziende associate si spostò nelgi areali di coltivazione pugliesi dove la disponibilità di terreni ed il favorevole clima eleggeva il pomodoro da industria tra le regine delle colture industriali.

Dopo alcuni anni di riorganizzazione, grazie alla caparbietà delle amministrazioni che si sono succedute, il CON.CO.O.SA. è diventato uno dei punti di riferimento per il pomodoro da industria del centro-sud.
Negli ultimi anni infatti, il CON.CO.O.SA., attento alle esigenze del mercato ed alle crescenti richieste dei consumatori in tema di "qualità" dei prodotti agro-alimentari, si è fatto promotore di diverse iniziative come ad esempio la costituzione di un comitato tecnico rappresentante delle OP del centro/sud. A tale comitato è assegnato il compito di elborare un Manuale di Produzione Integrata per il Pomodoro da Industria del centro-sud; l'obiettivo è quello di promuovere il ricorso a pratiche colturali ed a tecniche di produzione e gestione dei residui che tutelino l'ambiente e favoriscano la biodiversità.

Oggi il Consorzio segue le Cooperative associate fornendo loro assistenza tecnica, economica, commerciale e finanziaria per:

  • migliorare la qualità dei prodotti ortofrutticoli destinati alla trasformazione;

  • adeguare l'offerta alle esigenze del mercato (attraverso la concentrazione dell'offerta);

  • ridurre i costi di produzione e regolarizzare i prezzi.

Il progetto di Certificazione di Rintracciabilità di filiera e di Prodotto ad hoc in questa politica del consorzio che vuole assicurare garanzie maggiori sia ai propri clienti che ai consumatori finali in ordine alla sicurezza dei prodotti commercializzati.
Con il progetto di Certificazione di rintracciabilità di filiera e di prodotto, l'OP CON.CO.O.SA. (Organizzazione-Capofila-Azienda Leader) vuole implementare un efficace sistema di rintracciabilità nella filiera del pomodoro da industria.

L'Organizzazione si impegna a conferire un prodotto (Pomodoro da industria) ottenuto con metodi di produzione rispettosi dell'ambiente (acque e suoli) e della salute degli operatori agricoli (riduzione dei rischi) a garanzia del cliente/consumatore (Produzione Integrata).
Pertanto, in questa ottica e allo scopo di dare valore aggiunto alle produzioni dell'area meridionale, è stato definito un vasto programma di sensibilizzazione ed assistenza tecnica alle aziende conferenti, per ottenere non un aumento quantitativo ma un miglioramento qualitativo delle produzioni.
Tale obiettivo è perfettamente in linea con l'orientamento attuale del sistema produttivo nel Settore Primario ed in sintonia con il Reg. CE 2078/92 e successive modifiche e/o integrazioni.

Per valorizzare ulteriormente, la "qualità"dei nostri prodotti e per meglio rispondere alle attuali esigenze del mercato, abbiamo realizzato un programma produttivo che consente di ottenere merce con una sanità tossicologica superiore a quanto previsto dalle attuali ordinanze del Ministero della Sanità. In particolare nostro obiettivo è ottenere rpodotti con livelli di residui di fitofarmaci, qualora presenti, al di sotto del 30 % del R.M.A. previsto dalla legislazione vigente.
La necessità di un tale sistema di produzione e rintracciabilità nel Consorzio nasce anche dal bisogno di ottimizzare la gestione interna, dalla volontà di ottenere una riduzione dei rischi, nonché dal proposito di differenziare rispondendo in modo soddisfacente ed esariente alle sempre maggiori e specifiche richieste del cliente.
Ed è proprio in funzione della sicurezza alimentare e della trasparenza verso il consumatore , che la rintracciabilità di filiera e la certificazione di prodotto

- si pongono come pre-requisiti per il raggiungimento delle stesse
- si considerano essenziali per garantire l'azienda in caso di problemi
- si utilizzano come strumento nella gestione del rapporto con fornitori e clienti.

L'analisi delle attuali tendenze di mercato, la necessità di differenziarsi puntando sulla qualità dei prodotti offerti, hanno quindi contribuito alla crescita dell'organizzazione e all'esigenza di scegliere

  • la certificazione di qualità UNI EN ISO 9001:2008
  • la certificazione di prodotto secondo la specifica STP-CE-PC.AGRO 35
  • la certificazione di rintracciabilità di Filiera e di Prodotto UNI EN ISO 22005:2008 




Tuttavia i progetti non si sono esauriti al miglioramento della qualità merceologica del prodotto offerto, infatti l'Organizzazione prosegue nell'attività di sensibilizzazione delle cooperative associate per promuovere la difesa dei diritti dei lavoratori, il rispetto delle condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro, il rifiuto di tutti i comportamenti discriminatori verso i lavoratori stranieri, divulgando presso i propri associati e richiedendo agli stessi la sottoscrizione di un codice di condotta ispirato alla norma SA8000 (Responsabilità Sociale di Impresa).

L'obiettivo è far sì che le Cooperative associate, e di conseguenza le Az. Agricole conferenti, si impegnino nella diffusione e nella applicazione di quanto sottoscritto affinché il prodotto da loro offerto sia di fatto contraddistinto da una accresciuta qualità etico-sociale.